Annullata ‘PuliAmo il Sentiero del Tidone’ a seguito dei numerosi e gravi danni sul Sentiero


L’associazione ‘Sentiero del Tidone’ ha deciso di annullare l’evento ‘PuliAmo il Sentiero del Tidone’ previsto Sabato 1 Giugno a seguito dei numerosi danni al Sentiero causati dalle incessanti e fortissime piogge di questi giorni, in particolare di mercoledì 28, e dal conseguente ingrossamento del torrente Tidone che ha allagato in alcuni tratti il percorso tra Trevozzo e Nibbiano portando con sé detriti e piante.
Uno scenario ‘surreale’ si è presentato di fronte a Sandro Genesi, vicepresidente del sodalizio, a Mario Capucciati, promotore e consigliere, e a Fabio Rogledi, consigliere, che hanno fatto un sopralluogo preoccupati delle eventuali conseguenze del maltempo che si è abbattuto in particolare nella Val Tidone.
In due punti del tratto visionato il torrente ha eroso parte del Sentiero (sono già stati individuati percorsi alternativi), alcune piante sono cadute sul percorso e numerosi detriti hanno invaso la strada percorsa dai vari escursionisti. Anche la passerella presente al Borgo Mulino Lentino non ha retto alla forza del torrente.
Nei prossimi giorni i volontari dell’associazione effettueranno degli altri sopralluoghi nelle altre zone: al termine si potrà avere un quadro dettagliato e definitivo di tutti i danni.
“Speriamo che nella altre parti non ci sia la stessa situazione riscontrata qui in Alta Val Tidone; ci attiveremo da subito per chiudere le zone particolarmente danneggiate per poterle mettere in sicurezza e a seguire inizieremo i lavori di ripristino. Purtroppo la situazione è peggiore di quanto potevamo immaginare ma ci impegneremo per riportarlo uguale a prima nel minor tempo possibile. Per l’evento ‘PuliAmo il Sentiero del Tidone’ siamo molto dispiaciuti di doverlo nuovamente rimandare in quanto non sussistono le condizioni per poterlo effettuare, nonostante sia previsto finalmente bel tempo nel week end. La manifestazione verrà rimandata molto probabilmente in autunno, in modo da poter coinvolgere nuovamente le scuole valtidonesi” concludono i referenti dell’associazione.